L'Associazione
Serial Killer
Casi irrisolti
Pubblicità
L'opinione
News
Store
Link utili
Cinema
Libri
Serial Pixel
Area sondaggi
Rassegna Stampa
Sala multimediale
UFFICIO BREVETTI
Virtual Tears
spacer
ATTENZIONE! Da oggi, nell'area STORE, potrete acquistare dei gadget personalizzati con il marchio "SERIAL LILLER CULT". Per maggiori informazioni contattate direttamente la redazione al numero di telefono: 0587 734105. Distinti saluti 

VERONA: Due donne sparite nel nulla, una prostituta violentata, il ritrovamento di un tronco umano nella proprietà di un agricoltore, una condanna per stupro , per lo stesso agricoltore sospettato anche di aver ucciso e occultato almeno due persone. Tutti questi avvenimenti sono legati tra loro da un unico nome: Gianfranco Stevanin accusato di aver commesso i succitati delitti. Lo Stevanin, nato a Montagnana (PD) il 2/10/1960, è uno stupratore feticista, un perverso violentatore. Nel Gennaio 1994 sparisce la prima ragazza, l'altra sette mesi dopo. Nel Novembre 1994 lo Stevanin viene arrestato per aver aggredito e violentato una prostituta somigliante alle due ragazze scomparse, Gabriella Muster. Nella sua villa a Terrazzo, vengono ritrovate delle fotografie porno, degli indumenti e meccanismi sadomaso, dei peli pubici femminili in una scatola e i vestiti i gioielli e i documenti delle due ragazze scomparse. Aumenta sempre di più la paura dopo aver ritrovato una carcassa umana nei terreni agricoli di Stevanin; si attende solo l'esame del DNA per scoprire a chi appartenevano quei resti uma


MA CHI ERANO LE DUE DONNE SPARITE NEL NULLA?
Claudia Pulejo, 29 anni, tossicodipendente, la sera del 15 Gennaio indossava un vestito nero scollato degli stivaloni ed una borsetta. Si stava recando a casa di Stevanin, definito da alcuni giornali il "Re dei Feticisti", che le aveva promesso 15 scatole di Roipnol, un potente farmaco per le crisi di astinenza, in cambio di alcune foto per le quali la ragazza avrebbe dovuto posare. La proposta poteva essere allettante per la giovane tossicomane purtroppo però la giovane non fu più vista uscire dalla villa dello Stevanin. Tutti i suoi indumenti ed altri effetti personali furono ritrovati nella villa il giorno dopo l'arresto di Gianfranco Stevanin, il quale ha cercato di discolparsi asserendo che si trattava semplicemente di souvenir di avventure sessuali, che la giovane gli avrebbe ceduto spontaneamente. Ma se tutto ciò che la Pulejo aveva con se quella notte è stato ritrovato a casa di Stevanin , dove può essere andata una giovane , nuda, in una notte gelida come quella del 15 Gennaio? La situazione diventa sempre più intrigante quando vengono trovati nella stessa villa i vestiti ed il passaporto di una prostituta serba, Biljana Pavlovic, 25 anni, scomparsa a metà Luglio del 1994. Finora allo Stevanin si attribuiscono gli omicidi della minorenne mai completamente identificata di Claudia Pulejo, di Biljanas Pavlovic, di Blazenca Smoljo, e di Roswita Adlassnig. Restano da identificare invece alcune foto di ragazze rinvenute nell'abitazione dello Stevanin. Gli inquirenti stanno inoltre cercando Silvana Kovac, amica di Blazenka Smoljo, che dovrebbe avere la residenza nella zona di Verona e forse potrebbe essere a conoscenza di particolari utili alle indagini ancora in corso.


UNO STUPRO
La notte tra il 15 e il 16 Novembre 1994 Gianfranco Stevanin si trova a Vicenza per rimorchiare una prostituta austriaca, Gabriella Mugser. Si recano nell'abitazione della famiglia Stevanin a Terrazzo, vicino Legnago, dove ovviamente non vi era nessuno. Dopo averle dato alcuni indumenti da indossare, scatta circa sette foto dopo le quali scatta la lite tra i due a causa di un'altra foto da fare in posizione degradante per la donna che per questo rifiuta. E' a questo punto che Stevanin prende una pistola a salve di marca Bruni, cal. 8, usata per minacciare la donna. Più tardi dopo aver sfondato la porta del bagno per recuperare la sua vittima, si recano in camera da letto dove il ragazzo violenta la donna. Decide di lasciarla andare solo quando la donna le promette venticinque milioni in cambio della sua libertà. Mentre l'accompagna verso la sua abitazione, all'altezza del casello autostradale di Vicenza ovest, la donna si getta fuori dalla macchina fermando una volante della Polstrada che arresta il giovane.da quel momento in poi inizia il vero e proprio incubo per i familiari delle vittime ed in particolare per i familiari delle ragazze sparite. Inseguito al suo arresto verrà perquisita l' abitazione dove oltre agli indumenti delle ragazze, il 3 Luglio 1995, si effettuerà una scoperta estremamente agghiacciante: delle ossa umane dentro un sacco di juta, trovate nei terreni dello Stevanin , da un uomo che vi stava lavorando. Immediatamente viene svuotato il fossato dove erano state ritrovate le ossa, si scava nei terreni e nel letamaio dove affiorano una siringa, una boccetta con del liquido rosso ed un osso di grandi dimensioni. Si apprende in seguito che le ossa trovate nei campi non appartengono ne alla Pulejo, ne alla Pavlovic. Questo però ci suggerisce due ipotesi una delle quali andrebbe a favore di Stevanin: il colpevole potrebbe essere un altro serial killer. L'altra incolperebbe proprio Stevanin di aver commesso altri omicidi oltre a quelli della Pulejo e della Pavlovic.

» Argomenti Collegati:
Cerca nel Sito
 
Serial Killer
ted bundy
theodore robert "ted" bundy nasce a burlington [...]

ed gein - "il macellaio [...]
attenzione! le foto di questo profilo sono particolarmente [...]

pedro alonso lopez
pedro alonso lopez, soprannominato “il mostro [...]

andrea matteucci
andrea matteucci nasce a torino il 24 aprile del 1962 [...]
 

Entra nella community di Serial Killer e lascia messaggi sul nostro Guestbook.


ATTENZIONE! Da oggi puoi seguirci anche su FaceBook e Twitter e interagire con noi tramite questi popolari social network. Buona visione


spacer
spacer
spacer
(C) Copyright 2010 by Serial Killer Cult ® - P.I. 90022850508