L'Associazione
Serial Killer
Casi irrisolti
Pubblicità
L'opinione
News
Store
Link utili
Cinema
Libri
Serial Pixel
Area sondaggi
Rassegna Stampa
Sala multimediale
UFFICIO BREVETTI
Virtual Tears
spacer
ATTENZIONE! Da oggi, nell'area STORE, potrete acquistare dei gadget personalizzati con il marchio "SERIAL LILLER CULT". Per maggiori informazioni contattate direttamente la redazione al numero di telefono: 0587 734105. Distinti saluti 
Armin Meiwes il «Cannibale di Rotenburg» si confessa in Tv

Il «cannibale di Rotenburg» si confessa in Tv: «La carne umana è come quella del maiale, solo leggermente più amara». Armin Meiwes, 45 anni, il «cannibale di Rotenburg» nel Marzo del 2001 uccise un berlinese tecnico informatico 42enne, nella sua casa a Rotenburg, mangiò parti del suo corpo apparentemente per amore. Più di un milione di telespettatori hanno visto l'intervista choc, la prima, andata in onda lunedì sera in Germania sulla rete privata Rtl dal titolo "Intervista col cannibale". Sta ancora intrigando e facendo inorridire la vicenda dell'uomo che sei anni fa, aveva conosciuto la vittima, l'ingegnere berlinese Bernd-Juergen Brandes di 43 anni, con un annuncio inserito su Internet nel quale cercava candidati disposti a farsi macellare e poi mangiare. In una soffitta della sua villa abbandonata nell'Assia dell'est si compie il delitto. Dopo che l'ospite aveva ingerito 20 tranquillanti e bevuto una bottiglia di alcool, il carnefice gli taglia il pene e assieme a lui se lo mangia. Dieci ore dopo, di notte, dopo che la vittima perde coscienza per la forte perdita di sangue, gli taglia la gola e lo fa a pezzi. Divora una ventina di chilogrammi di carne. Il macabro delitto è stato interamente documentato con un video di quattro ore, realizzato dallo stesso cannibale. Ora, davanti alle telecamere, Meiwes ha raccontato dal carcere minuziosamente e con apparente tranquillità la sua storia: «La carne umana ha lo stesso sapore di quella di maiale, è solo leggermente più amara, più sostanziosa. E' davvero buona». Armin Meiwes, che attualmente sconta l'ergastolo nella prigione di Kassel e lavora nella lavanderia della struttura, ha raccontato nei minimi particolari anche il momento del pasto al giornalista di Amburgo Günter Stampf: «Ho arrostito leggermente la carne e l'ho salata. Il primo assaggio è naturalmente qualcosa di strano, un'emozione indefinibile». Non ha neppure rimorsi per il crudele gesto: «È una bella sensazione sapere che Brandes è diventato una parte di me». Parla anche della sua infanzia Meiwes: «Mia madre mi leggeva le favole. Quella di Hänsel e Gretel in particolare. Interessante era vedere, quando nella storia il piccolo protagonista doveva essere divorato. Non immaginate neppure quanti Hänsel si aggirano in Rete». Solo in Germania, secondo i media tedeschi, ci sarebbero oltre 10mila tra cannibali e potenziali vittime che cercano di mettersi in contatto tra loro on-line e oltre 1 milione nel mondo alla ricerca di persone che vogliono vivere esperienze simili. Armin Meiwes aveva contattato più di 400 uomini. «Mentre divoravo Brandes - ha dichiarato - non sapevo se pregare Dio o il diavolo, ho chiesto infine perdono a Dio. Recitavo le preghiere mentre sotterravo i resti in giardino…» Che dire, se volete fare interventi potrete utilizzare il GuesBook oppure il forum del sito.

Cerca nel Sito
 
L'opinione
il wwf alla fiaccolata [...]
wwf e gli amici dell’orso bernardo promuovono [...]

arrestato ambulante a [...]
città del messico - un venditore ambulante di [...]

armin meiwes il «cannibale [...]
il «cannibale di rotenburg» si confessa [...]

christopher paul neil [...]
bangkok (thailandia) - alla fine l'hanno identificato [...]
 

Entra nella community di Serial Killer e lascia messaggi sul nostro Guestbook.


ATTENZIONE! Da oggi puoi seguirci anche su FaceBook e Twitter e interagire con noi tramite questi popolari social network. Buona visione


spacer
spacer
spacer
(C) Copyright 2010 by Serial Killer Cult ® - P.I. 90022850508