L'Associazione
Serial Killer
Casi irrisolti
Pubblicità
L'opinione
News
Store
Link utili
Cinema
Libri
Serial Pixel
Area sondaggi
Rassegna Stampa
Sala multimediale
UFFICIO BREVETTI
Virtual Tears
spacer
ATTENZIONE! Da oggi, nell'area STORE, potrete acquistare dei gadget personalizzati con il marchio "SERIAL LILLER CULT". Per maggiori informazioni contattate direttamente la redazione al numero di telefono: 0587 734105. Distinti saluti 
Wolfgang Abel

Wolfgang Abel nasce nel 1959 a Monaco. E' figlio di un ricchissimo avvocato tedesco di nome Gerhard residente dal 1964 nella provincia di Verona a Negrar. Abel, però, visse per qualche tempo anche nella città bavarese. Si laurea in matematica con il massimo dei voti presso l'Università di Padova nel 1984 ed è giudicato un attento conoscitore della cultura filosofica. Ma, terminati gli studi, cambia completamente campo d'interesse e comincia a lavorare a Monaco nella compagnia di assicurazioni “Arag Italia” di cui il padre era consigliere delegato. E' per questo che Abel si divide tra Monaco e la lussuosa villa dei genitori a Negrar. Quando il quattro Marzo 1984 viene arrestato perché colto in fragranza di reato mentre insieme all'amico Marco Furlan tenta di appiccare il fuoco alla discoteca Melamara di Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova, il padre decide di anticipare il suo pensionamento. Abel è accusato di essere, insieme a Furlan, l'autore dei crimini costati la vita a quindici persone nel Veneto e rivendicati dal gruppo neonazista “Ludwig”. Durante il lungo e complesso procedimento giudiziario che termina con una condanna in terzo grado a ventisette anni di carcere, Abel viene sottoposto a continue perizie psichiatriche da cui si desume una sua parziale incapacità di intendere e volere. La motivazione, stando ai periti, risiederebbe "nelle cure materiali prive del vero calore" da parte dei genitori. "Non sono state soddisfatte le sue aspettative emozionali ed egli ha la personalità in quella che gli psichiatri infantili definiscono situazione abbandonica". Già nel settembre del 1978 Abel dà segni di squilibrio, come testimoniano poche righe mischiate a una lucida sequenza di osservazioni di carattere filosofico annotate su un taccuino: "ricovero o suicidio". Dopo la sentenza definitiva dell'undici Febbraio 1991 Abel protesta con lo sciopero della fame e tenta più volte il suicidio tanto da essere obbligato a un lungo ricovero nell'ospedale giudiziario di Reggio Emilia dove viene sottoposto a terapie psichiatriche. Wolfgang Abel è stato ammesso ai benefici di legge e può tornare a casa dei genitori.

Cerca nel Sito
 
Area sondaggi
  
 

Entra nella community di Serial Killer e lascia messaggi sul nostro Guestbook.


ATTENZIONE! Da oggi puoi seguirci anche su FaceBook e Twitter e interagire con noi tramite questi popolari social network. Buona visione


spacer
spacer
spacer
(C) Copyright 2010 by Serial Killer Cult ® - P.I. 90022850508