L'Associazione
Serial Killer
Casi irrisolti
Pubblicità
L'opinione
News
Store
Link utili
Cinema
Libri
Serial Pixel
Area sondaggi
Rassegna Stampa
Sala multimediale
UFFICIO BREVETTI
Virtual Tears
spacer
ATTENZIONE! Da oggi, nell'area STORE, potrete acquistare dei gadget personalizzati con il marchio "SERIAL LILLER CULT". Per maggiori informazioni contattate direttamente la redazione al numero di telefono: 0587 734105. Distinti saluti 
Il delitto di Cogne - Annamaria Franzoni

30 Gennaio 2002: un bambino di appena tre anni, Samuele Lorenzi, viene assassinato con 14 colpi di un misterioso oggetto contundente, sferratogli sulla testa, mentre per pochissimi minuti, otto al massimo, è rimasto da solo nella villetta di Montroz, frazione di Cogne, in Val d’Aosta. E’ lì che Samuele viveva assieme ai genitori - Stefano Lorenzi, perito elettrotecnico e Annamaria Franzoni, entrambi provenienti da famiglie abbienti, originarie del bolognese - e il fratellino maggiore Davide. A rinvenire il corpo ormai agonizzante del piccolo con il cranio sfondato è stata la mamma. Rapido, quanto inutile, l’intervento dei soccorsi: Samuele è già cerebralmente morto. Finirà di vivere, anche clinicamente, poco dopo, all’ospedale di Aosta. Chi lo ha ucciso? Il delitto di Cogne si rivela subito un giallo. Un giallo con un solo sospettato. E’ fin da subito la mamma di Samuele, Annamaria Franzoni, a finire nel mirino degli inquirenti. Ma l’inchiesta giudiziaria è delicata e si svolge - come sarebbe auspicabile le inchieste si svolgessero sempre - con grande, grandissima - per alcuni addirittura eccessiva - cautela. Il procuratore di Aosta, Maria Del Santo Bonaudo ed il pubblico ministero, Stefania Cugge, ordinano ai carabinieri del RIS, lo speciale reparto di indagine scientifica dei carabinieri, un’infinità di perizie. Ma l’arma non si trova. E, oltretutto, il delitto manca di un movente. Eppure non sembrano esserci altre piste da seguire, se non quella che porterà, il 13 marzo, ad arrestare la mamma di Samuele. Annamaria Franzoni è stata l’ultima a vedere Samuele: poco dopo le 8.00 - dice la donna - era addormentato nel letto matrimoniale. Lei lo ha lasciato solo per pochi minuti, il tempo di accompagnare l’altro figlio, Davide, alla fermata dello scuolabus, distante appena un centinaio di metri da casa. Al ritorno la scoperta della tragedia. Tra i primi ad intervenire in aiuto, un’amica di Annamaria, Ada Satragni, psichiatra, che presta i primi soccorsi a Samuele, inquinando - incosapevolmente, diranno i magistrati, ma irrimediabilmente - la scena del delitto. Qualcuno può essersi introdotto nella villetta dei Lorenzi per uccidere Samuele? Magari per vendetta? I tempi sembrano essere troppo ristretti. La porta dell’abitazione era stata chiusa dalla madre, anche se non a chiave. E poi nessuno in paese sembra avere motivi di odio verso i Lorenzi. Alla fine alcuni indizi sembrano convergere verso la donna: il pigiama di lei trovato insanguinato, un paio di zoccoli - sempre di lei - con tracce ematiche evidenti. L’ipotesi inquisitoria è che Annamaria Franzoni abbia ucciso suo figlio in uno stato di alterazione mentale e che poi abbia rimosso il fatto. Ma per altri la donna è soltanto un’abile mentitrice. Il mistero resta: alla base dell’omicidio c’è certamente la follia. Perché chiunque abbia massacrato un bambino di tre anni non può essere che un folle. Ma se è stata Annamaria il baratro della pazzia è ancora più grande. A oggi la donna è stata sottoposta a due gradi di giudizio. In primo grado, grazie al patteggiamento, è stata condannata a 30 anni. 16 anni di reclusione, invece, la sentenza del processo d’Appello.

» Argomenti Collegati:
Cerca nel Sito
 
Serial Pixel
  
 

Entra nella community di Serial Killer e lascia messaggi sul nostro Guestbook.


ATTENZIONE! Da oggi puoi seguirci anche su FaceBook e Twitter e interagire con noi tramite questi popolari social network. Buona visione


spacer
spacer
spacer
(C) Copyright 2010 by Serial Killer Cult ® - P.I. 90022850508